Intervento di: Alessia Marani, Associazione Stampa Romana


mercoledì 13 febbraio 2019

“I giornalisti non sono dei privilegiati. Ridiamo valore alla nostra professione”

“Sono più di vent’anni che lavoro nella cronaca, negli ultimi per “Il Messaggero”. Finora non abbiamo parlato di quanto sia usurante il nostro lavoro, anche se ci considerano dei privilegiati. Dobbiamo combattere questa convinzione errata e ridare valore alla nostra professione”. Così la delegata Alessia Marani nel suo intervento.
Il ruolo di chi occupa di cronaca è ancora di cruciale importanza per la giornalista romana: “Non solo il nostro lavoro è usurante, ma nasce dalla ricerca, sempre più difficile, delle notizie e chi non le sa trovare non è un giornalista. Non basta fare il compitino mettendo insieme due lanci di agenzie”, ha detto.
Sul rapporto con lo Stato, infine, Marani ha auspicato una maggiore valorizzazione del lavoro giornalistico, non solo a livello contrattuale. “La maggior parte dei servizi che vedete sulle piattaforme di tutti i tipi, provengono dal lavoro di queste persone che lavorano dal basso, che non rischiano solo perché scrivono di un clan. A volte è più rischioso parlare del bandito che conta poco perché puoi ritrovarlo sotto casa. Non è la qualità del clan a fare la differenza, tocchiamo la carne viva delle persone con le inchieste giudiziarie e con la cronaca. Dobbiamo ricordare quanto il nostro lavoro sia usurante, in ogni occasione, perché la nostra responsabilità è enorme”.

Link