Intervento di: Fredania Biasutti, Associazione Stampa Romana


mercoledì 13 febbraio 2019

“Propongo quote di colleghi under 30 che partecipino alla vita sindacale”

La nostra categoria si deve formare “nel nuovo e nel nuovissimo”, e anche per decodificare i canali da cui arrivano le fake news, “ma questo non lo stiamo facendo”. Fredania Biasutti punta il dito sul ritardo e la poca considerazione della categoria per il digitale e propone “quote di gente che ha meno di trenta anni, che partecipi alla vita sindacale”. “Parto dal manifesto del congresso, dice che l’informazione non è un algoritmo e poi accanto c'è la macchina da scrivere, strumento ormai desueto che non ci rappresenta, non si usa più e invece utilizziamo gli algoritmi. Viviamo professionalmente travolti dagli algoritmi, perché arriviamo a questa informazione diversa che viaggia su canali per noi nuovi con grande ritardo, affanno e con una scarsissima conoscenza”. Biasutti rileva anche un atteggiamento sbagliato degli editori: “Hanno iniziato a investire quasi come se fosse una roba sciocca con una grande diffidenza, lasciando spazio enorme ad un caos spaventoso”. Il primo gruppo online in Italia “si chiama City News. Come lavorano in queste redazioni? Con quali contratti? Quanti sono, quanti sono iscritti al sindacato? Sarebbe interessante studiare meglio queste realtà. Non dobbiamo guardare indietro, è proprio sul digitale che dobbiamo puntare”.

Link