Intervento di: Silvia Garambois, Associazione Stampa Roma


mercoledì 13 febbraio 2019

“La qualità dell’informazione è un punto a favore della democrazia”

Comincia con un ringraziamento l’intervento di Silvia Garambois: “Ringrazio Sandro Ruotolo, Michele Albanese, Marilù Mastrogiovanni, Antonella Napoli, ma anche di tutti i cronisti di strada, stressati dal proprio lavoro ma sempre e comunque in prima linea. Tutti loro rappresentano la grande qualità di questo mestiere”. Una qualità, osserva Garambois, riconosciuta sì dagli inserzionisti pubblicitari, ma che va cercata sempre, nelle pieghe, anche quando siamo in redazione a passare carte. Perché la qualità di come raccontiamo quello che c’è attorno a noi è senz’altro un punto a favore della democrazia. Un punto di formazione e di racconto della realtà molto alto che comincia da un uso giusto e corretto del linguaggio”. Lo sa bene Garambois, che è anche presidente di Giulia, un’associazione di giornaliste che sulla qualità della scrittura crede enormemente. “Il racconto della realtà passa dalle parole che usiamo, dal modo in cui la interpretiamo. Dal linguaggio – prosegue la delegata - passa la promozione della realtà, anche al femminile. Vent’anni fa questa platea era formata solo da uomini. Oggi ci sono tante donne e sentiamo finalmente usare termini come la ministra, la presidente, la avvocata. È giunto però il tempo di raccontare non solo femminicidi e gap gender, ma garantire un flusso di informazione di uomini e donne, assieme. Un flusso che racconti la realtà nella sua totalità: sarebbe un bel passo avanti”.

Link