Intervento di: Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai


mercoledì 13 febbraio 2019

L’applauso del Congresso a Daniele Piervincenzi, aggredito oggi in provincia di Pescara

Un applauso in segno di vicinanza e solidarietà risponde alla notizia che Vittorio Di Trapani rende nota al Congresso e che riguarda Daniele Piervincenzi, nuovamente aggredito in provincia di Pescara per far luce sulla presenza di clan in quel territorio. Di Trapani ricorda anche la fiaccolata in piazza dell’Esquilino per coltivare la speranza di rivedere in Italia padre Paolo dall’Oglio, e apprezza l’iniziativa di intitolare il Congresso della Fnsi a Megalizzi, cogliendo l’occasione per chiedere alla Rai di adottare il progetto di Europhonica. “Spira un vento in Italia e in Europa che è contro la libertà e i diritti, ed è proprio contro quel vento che la Federazione si deve schierare – dice Di Trapani - e si è schierata. Quel vento che ha portato in Italia Steve Bannon. Anzi l’Italia è al centro di un progetto che va contro quei valori che abbiamo conosciuto dopo l’illuminismo. E non è un caso quello che sta avvenendo in Rai, dove persone legate a Steve Bannon sono presenti, governano e provano a controllare il servizio pubblico”. “I padroni dell’algoritmo ci hanno spiegato che il problema dell’Italia è la sicurezza e non sono le mafie. Noi applaudiamo Sandro Ruotolo e Paolo Borrometi, Michele Albanese, Federica Angeli e Lirio Abbate. Purtroppo lo facciamo perché altri si sono girati dall’altra parte e in alcuni casi hanno provato a delegittimarli. Dato che a rischio ci sono i valori costituzionali: questo è il momento per la Federazione per la resistenza civile.

Link