Intervento di: Stefano Fabbri, Associazione Stampa Toscana


mercoledì 13 febbraio 2019

“Attenzione che il precariato non è solo giovanile”

“È la prima volta che intervengo in un congresso Fnsi da pre-pensionato Ansa. Ne ho parlato con i miei colleghi, ma non mi aspettavo di essere invidiato da loro. Che tristezza!”, dice Stefano Fabbri.
“Ho ascoltato la relazione di Lorusso e condivido due esortazioni importanti: 1) non lasciare solo nessuno. 2) la solidarietà non è a senso unico. Ho partecipato alla manifestazione sotto il Ministero dello Sviluppo Economico, ma dobbiamo trovare nuove occasioni di confronto con il potere esecutivo. Non possiamo aspettare il cadavere del governo. Non abbiamo tempo!”, prosegue.
“Condivido con Lorusso la necessità della abrogazione dei co.co.co. Il lavoro giornalistico deve realizzarsi compiutamente come lavoro subordinato. Devo fare una constatazione amara: il precariato non è solo giovanile. A 50 anni – conclude – si viene espulsi dai posti di lavoro e si finisce molto lontano dalle redazioni. Il sindacato toscano ha presentato una mozione con la quale chiederemo un censimento reale dei colleghi da prepensionare o ricollocare nel mondo del lavoro. È il nostro prossimo impegno”.

Link