Intervento di: Ezio Cerasi, Sindacato Giornalisti Abruzzesi


mercoledì 13 febbraio 2019

“La nostra professione deve essere riconoscibile nei valori etici e deontologici”

“Condivido la relazione del Segretario, mirata sulla necessità di non arretrare sulla difesa dei diritti, dobbiamo affrontare senza indugi il grande tema del lavoro autonomo”, ha detto Ezio Cerasi, segretario del Sindacato Giornalisti Abruzzesi. Qualità, solidarietà, condivisione, partecipazione, inclusione sono gli argini a difesa della professione: “La qualità rappresenta la prima difesa, ma non può essere solo invocata. Deve essere praticata sempre: parlo di giornalismo etico e deontologico per una informazione corretta e affidabile”, ha proseguito Cerasi. La qualità come scudo resiliente della professione contro il flusso di fake news che travolge la vera informazione: “La nostra professione deve essere distinta e distante, riconoscibile nei valori etici e deontologici. Dobbiamo dare forza al Sindacato unico e unitario perché nessuno si salva da solo. Bisogna mettersi in gioco, soprattutto nelle redazioni, per la difesa dei diritti, contro il precariato e lo sfruttamento e contro chi vuole un giornalismo che non fa domande”, aggiungendo sul ruolo del Sindacato che “Un Sindacato forte unisce ed include, il Sindacato è comunità”. Cerasi ha chiuso il suo intervento solidarizzando con Daniele Piervincenzi, Sirio Timossi e David Chierchini, giornalisti aggrediti a Pescara.

Link