Intervento di: Massimo Cestaro, Cgil


giovedì 14 febbraio 2019

“Se l’informazione è quel bene prezioso che riconosciamo, l’indipendenza ne è la condizione necessaria”

Porta i saluti della segreteria generale della Cgil e del nuovo segretario Maurizio Landini, Massimo Cestaro intervenendo al Congresso della Fnsi: “Noi della Cgil veniamo da un percorso congressuale impegnativo ma soprattutto veniamo dalla straordinaria manifestazione del 9 febbraio. Ancora una volta abbiamo dovuto osservare che lo sviluppo del Paese e la sua tenuta democratica non possono prescindere dal lavoro. Da troppi anni le diverse forze politiche che si sono succedute alla guida del Paese hanno inseguito l’idea che la compressione dei diritti dei lavoratori fosse la condizione necessaria per la crescita dell’occupazione. Ma in Italia mancano gli investimenti, pubblici e privati. Mancano innovazione, ricerca, istruzione e formazione. Noi continuiamo a ritenere inscindibile il rapporto tra sviluppo economico e progresso sociale. Non esiste la crescita del Pil se aumenta il lavoro povero, dequalificato e senza tutele.”
L’attenzione si sposta poi sullo specifico del lavoro giornalistico: “Per quello che voi rappresentate, tutele e diritti del lavoro e nel lavoro acquistano un valore aggiunto fondamentale. Sono garanzia di indipendenza. Se l’informazione è quel bene prezioso che riconosciamo, l’indipendenza è la condizione necessaria perché quel valore continui ad affermarsi. A maggior ragione se larga parte delle notizie è diffusa dalle nuove piattaforme e dove la pervasività delle tecnologie consente di leggere e di conoscere le abitudini e gli orientamenti di ognuno di noi. L’enorme quantità di notizie a cui accediamo non sempre è a vantaggio del pluralismo dell’informazione: occorre una politica sindacale che metta assieme certificazione delle fonti, proprietà intellettuale, diritti, tutele e professionalità.”

Link